Skip to main content

Quattro chiacchiere con Stefania Mangano – Mobility Manager Confindustria Brescia

La prima chiacchierata del progetto Next Gen Mobility Manager la facciamo con Stefania Mangano funzionario territorio e urbanistica in Confindustria Brescia.

Stefania lavora da 18 anni in Confindustria Brescia come consulente per le imprese su progetti di sviluppo e pianificazione territoriale toccando svariate tematiche tra le quali anche la mobilità sostenibile e dando supporto alle aziende nell’interfacciarsi con la pubblica amministrazione.

Mobility Manager di Confindustria Brescia collabora a stretto contatto con il comune di Brescia e il suo Mobility Manager d’area per lo sviluppo di strategie e sinergie in un ottica di ecosistema.

Stefania ci racconta come il Decreto Rilancio e l’abbassamento della soglia di obbligatorietà nella nomina del Mobility Manager aziendale da 300 a 100 dipendenti abbia ampliato di molto la platea delle aziende coinvolte e abbia portato alla luce la mancanza di informazione sulla tematica del Mobility Management.

Ricordiamo che il Mobility Manager è una figura specializzata con funzioni di supporto professionale continuativo alle attività di decisione, pianificazione, programmazione, gestione e promozione di soluzioni ottimali di mobilita’ sostenibile.

Stefania ci parla poi dell’importanza del Mobility manager d’area come figura di coordinamento dei Mobility Manager aziendale e come raccoglitore dei piani di spostamento casa – lavoro per la stesura del Piano Urbano di Mobilità Sostenibile (PUMS).

L’ultimo tema affrontato insieme a Stefania è quello dello smart working e di come questo possa essere uno strumento strategico da inserire all’interno dei piani spostamento casa – lavoro per decongestionare i nostri centri urbani e abbassare le emissioni climalteranti rilasciate in atmosfera.


Designare la figura del Mobility Manager e redigere un piano spostamento casa – lavoro è un impegno che le aziende devono prendere non perché questo comporti dei vantaggi economici ma perché le aziende possono avere un ruolo fondamentale nel cambio di paradigma necessario per aumentare la consapevolezza e diminuire quelli che oggi sono gli impatti dello spostamento casa – lavoro sulla nostra società.


Ci siamo lasciti con Stefania con queste tre keyword: accompagnare, dialogo, ecosistema. Non ti resta che scoprire perché.